Efficacemente  provata in cliniche di Stato e studi privati in Italia e negli Stati Uniti d’America per più di quindici anni, la

Neuroterapia Musicale Integrativa (Music Integrative Neurotherapy)

è  stata inventata e sviluppata dal dottor Alexander Jon Graur, compositore e musico terapeuta. Dottor Graur è certificato dalla più estesa organizzazione professionale  nel mondo, abilitata a farlo: The Certification Board for Music Therapists, negli Stati Uniti d’America.

Dott. Graur è, inoltre, membro dell’ American Music Therapy Association, l’unico cittadino italiano a farne parte come professionista qualificato.

 

Neuroterapia Musicale Integrativa (Music Integrative Neurotherapy)

È una terapia multimediale (musica e video) non invasiva, basata esclusivamente sull’uso del computer; per le sue caratteristiche fa parte del gruppo di terapie appartenenti alla Neuro Scienza.

Questa terapia combina le leggi della scienza musicale con i dati medici d’ogni paziente per creare una speciale musica correlata a specifici disturbi.

 

A differenza delle metodologie usuali nella musico-terapia, la

Neuroterapia Musicale Integrativa (Music Integrative Neurotherapy)

utilizza in esclusività  musiche composte specificatamente per uso terapeutico.

 

Non è un banale ”rilassamento”, né una musica (leggera, classica, opera, ecc.) composta per altre occasioni ed utilizzata con la pretesa di “guarire”.

 

Il terapista non è un DJ che propone musiche atte a divertire oppure a rilassare come in una discoteca; chiunque sa cosa preferisce per rilassarsi e sceglie da sé la musica più adatta, senza bisogno d’intermediari.

 

Pensate a questo: quella che rilassa voi, può disturbare gli altri. E viceversa. Perché ognuno di noi è un universo a sé stante. Ognuno di noi è unico. Le ragioni della sua depressione, per esempio, appartengono solo a lui e a nessun altro. Perciò la terapia da seguire, deve essere personalizzata. Ciascuno deve avere la propria terapia basata sui suoi dati medici, non un’improvvisata ed improbabile “musico terapia” con materiale composto per altri scopi  ed adoperato secondo i gusti personali dello “terapista”, senza utilizzare criteri veramente scientifici.

 

Il concetto di base della Neuroterapia Musicale Integrativa (Music Integrative Neurotherapy) è : 

per  aiutare a guarire veramente, la musica deve essere composta in base ai dati medici di ogni paziente. Essa deve andare oltre le barriere psicologiche e culturali personali ed agire direttamente sui organi oppure i processi fisiologici affetti dai vari disturbi. Deve avere un’ effetto paragonabile ad una medicina e non dipendere dalle preferenze oppure le abitudini culturali del paziente.

Per adempire a questo principio, le leggi della scienza musicale insieme con determinati aspetti della fisiologia umana vengono utilizzate per comporre una musica destinata ai vari disturbi.

Molti di questi disturbi sono di natura psichiatrica e neurologica, ma anche altre, diverse condizioni mediche vengono migliorate da questa terapia.

 

Neuroterapia Musicale Integrativa segue i processi con i quali il sistema nervoso riceve, analizza, trasmette e processa l’informazione. Qualche esempio di dati fisiologici utilizzati in questa terapia: la catena di reazione dello stress; l’azione dei campi elettromagnetici del cervello e del cuore così come la loro reciproca interazione;la produzione e l’azione di determinati elementi chimici nel organismo.

 

Esami medici di ciascun paziente forniscono preziosi dati per comporre la musica adatta ; per esempio gli esami del sangue e dell’urina, l’elettrocardiogramma, l’elettroencefalogramma, la risonanza magnetica ed il PET scan.

 

L’efficacia della Neuroterapia Musicale Integrativa viene ulteriormente rinforzata dall’ uso delle terapie del colore e dell’arte, integrate con la musica via il computer. Di fatto, il paziente segue dei piccoli filmati (tra i quattro ed i dodici minuti circa per ognuno), creati e programmati per le sue necessità terapeutiche.

 

Le barriere psicologiche tra il paziente ed il medico vengono drasticamente abbassate grazie alla specificità di questo metodo terapeutico. Il paziente comunica meglio, più in fretta ed apertamente con il terapeuta, il quale riporta le sue osservazioni al medico riferente, per ulteriore valutazione. In certi casi un piano di lavoro investigativo viene concordato tra il medico ed il terapeuta, per approfondire vari aspetti medici che il disturbo crea nello paziente.

 

Neuroterapia Musicale Integrativa (Music Integrative Neurotherapy) non è una terapia alternativa, non si propone in nessun caso di sostituire la terapia medicamentosa proposta dal medico curante.

 

Neuroterapia Musicale Integrativa (Music Integrative Neurotherapy) è una terapia complementare, integrativa.

Essa aiuta ad eliminare gli effetti secondari inerenti a certe medicine quali gli antidepressivi, gli ansiolitici ed i sonniferi; è utile altresì nel trattamento della epilessia, l’ictus cerebrale e nella riabilitazione post-infarto cardiaco.

Viene utilizzata nella cura peri-natale e nel trattamento dei disturbi inerenti all’entrata nella menopausa.